Orto, le piante dell’autunno

Nella suddivisione steineriana dell’orto biodinamico, che divide le piante secondo le macro aree di frutto, fiore, foglia e radice, nell’orto autunnale la maggior parte delle piante appartiene alla categoria della foglia.

Lattughe, cavolfiori, broccoli e finocchi, principali attori di questo periodo, sono infatti legati alla categoria della foglia. Ma ci sono anche le radici, prime fra tutti i cipollotti “scalogni”.

Ma vediamo cosa e come piantare nell’orto nel periodo autunnale sia in terra che in vaso:

 

Lattughe

A prescindere dalla varietà che sceglierete, è bene che vi assicuriate che le piantine provengano da sementi “invernali”, ovvero lattughe che crescono bene anche in presenza di minor luce a disposizione e a temperature più basse di quelle primaverili-estive. In terra è bene mantenere una distanza di 20-30 cm tra ogni pianta lungo la fina e di 50-60 cm tra le file. Buon accorgimento per le lattughe è quello della “rincalzatura”. E’ infatti importante che le piante abbiano sempre un buon “sostegno” di terra per crescere bene, la stessa cosa vale anche se piantate le lattughe in vaso. Il problema principale per le lattughe (conigli a parte) viene dalle limacce, le lumache senza guscio che vengono fuori ad ottobre. La birra è un ottimo rimedio naturale ma se vi premurate di utilizzare dei contenitori, anche i lumachicidi saranno utili e non si mischieranno con la terra. Una buona e costante pulizia dalle erbacce è essenziale.

 

 

Broccoli-Cavolfiori

Chi parte da seme avrà già piantato i broccoli a fine luglio, chi invece acquista già piantine pronte ha ancora qualche settimana per mettersi all’opera. I broccoli e i cavolfiori avranno bisogno di parecchie cure, soprattutto nella prima fase di vita, le piogge ed i primi freddi verranno loro incontro e vi faranno lavorar meno. Si tratta in entrambi i casi di piante che hanno bisogno di spazio, sia sottoterra che nella parte aerea. Più riusciranno a crescere le foglie maggiori saranno le possibilità di infiorescenze piene e vigorose. Si tratta di piante che richiedono parecchie energie e che non amano i terreni molto duri, quindi concimate per bene e piantate su terreni soffici.

Lasciate lungo la fila e tra le file almeno 60 cm fra pianta e pianta.

Quando saranno cresciute, le vostre piante avranno probabilmente bisogno di cure per non esser mangiate dalla “cavolaia”, un bruco che ama moltissimo questo tipo di foglie. I rimedi sono gli insetticidi a base di piretroidi o il bacillus thuringiensis, che allontana i bruchi.

Chi coltiva in vaso potrà con più facilità piantare i broccoletti, piante che richiedono meno spazi e che rigettano molto bene dopo il taglio della prima fioritura.

 

 

Cipolle Invernali

I cipollotti sono un toccasana per la salute e per il palato. E l’autunno è il periodo giusto per piantarli. Basterà una distanza di 5 cm fra pianta e pianta quindi, anche in vaso, potreste riuscire ad avere una buona produzione in poco spazio. Pochissimi gli accorgimenti per le vostre cipolle nell’orto, a parte innaffiare se c’è troppo caldo. Una “rincalzata” a metà percorso servirà a togliere le erbe infestanti e a dar sostegno alle piante.